Prenota on-line su:

Iscritto all’Ordine Provinciale dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Livorno albo n. 2432 Medici. - P.I. 00825340490 C.F. GGNMRC58P11L049V. Il presente sito internet è rispondente al D.Lgs n. 70 del 9.04.2003, i messaggi in esso contenuti sono conformi alle linee guida del Codice di Deontologia Medica approvato dal Consiglio Nazionale FNOMCeO del 16.12.2006. Comunicazione relativa all’autocertificazione del sito internet inviata all’Ordine dei Medici di Livorno in data 9.02.07.

Specialista in:

⇒ Dermatologia e Venereologia
⇒ Patologia Clinica
⇒ Idrologia Medica

Dermatoscopia e videodermatoscopia:

Questa metodica rappresenta un valido ausilio nella diagnosi delle affezioni cutanee e consente una diagnosi più accurata, precisa e precoce rispetto al solo esame clinico e di evitare molte asportazioni chirurgiche non necessarie.

Attraverso l’osservazione della cute mediante un microscopio da contatto, il dermatoscopio, il dermatologo può osservare i caratteri morfologici delle lesioni non apprezzabili ad occhio nudo e che sono correlabili a specifiche alterazioni istologiche. La Videodermatoscopia digitale è un metodo non invasivo che permette una reale valutazione di colori e di microstrutture dell’epidermide, giunzioni dermo-epidermiche, e capillari non visibili ad occhio nudo. Le immagini che vengono ingrandite fino a 100 volte possono essere archiviate per essere confrontate con le immagini delle stesse lesioni negli anni successivi.

Diatermocoagulazione

La Diatermocoagulazione è un metodo terapeutico che consiste nel cauterizzare (bruciare) i tessuti utilizzando un elettrobisturi. Può essere utilizzata per il trattamento di lesioni presenti sulla cute come per esempio cheratosi seborroiche, fibromi penduli, verruche.

Infatti la diatermocoagulazione è impiegata per distruggere i tessuti patologici e proliferanti a causa di fenomeni infiammatori cronici o tumorali benigni.

Un particolare tipo di diatermocoagulazione è la TIMED chirurgia (Technique for the Implementation of Measured Electrosurgical Data) una metodica standardizzata che consente di ottenere l’eliminazione completa, senza esiti cicatriziali o acromici, dei capillari del volto, degli angiomi stellati, dei laghi venosi, delle neoformazioni, delle iperpigmentazioni cutanee.

Crioterapia dermatologica

La Crioterapia è una metodica efficace per il trattamento di lesioni cutanee superficiali utilizzando azoto liquido per trattare cheratosi attiniche, verruche seborroiche, verruche virali e lentigo solari. Inoltre la crioterapia ha trovato grande riscontro nel trattamento delle macchie cutanee di volto e dorso delle mani nell’ambito della medicina estetica.

Terapia fotodinamica

La terapia fotodinamica cutanea è una terapia molto efficace nel trattamento di forme neoplastiche della pelle ma anche molto valida per combattere il fotoinvecchiamento cutaneo, l’acne ed in altre condizioni di interesse dermatologico.

La terapia fotodinamica utilizza una sostanza fotosensibilizzante e una sorgente luminosa allo scopo di indurre l’apoptosi selettiva delle cellule tumorali.

La sostanza utilizzata è un precursore dell'emoglobina del sangue quindi perfettamente naturale, viene applicata sulla pelle ed ha la capacità di penetrare con facilità concentrandosi in quantità rilevanti nelle lesioni dermatologiche. Tale effetto è del tutto selettivo in quanto la cute sana ne è impermeabile. La successiva attivazione mediante una sorgente luminosa idonea, induce una fotosensibilizzazione ristretta primariamente al tessuto danneggiato, permettendo in tal modo un trattamento altamente selettivo senza causare fotosensibilità sistemica.

La terapia fotodinamica rispetto ad altre scelte terapeutiche presenta una serie di benefici:

  1. non è invasiva;
  2. è ben tollerata dai pazienti;
  3. non necessità dell’uso di anestetici;
  4. il danno tissutale è selettivo;
  5. non presenta complicanze nel post-trattamento;
  6. non ha tossicità sistemica;
  7. può essere ripetuta senza che si verifichi alcuna perdita di efficacia;
  8. può essere associata ad altre procedure terapeutiche;
  9. i risultati estetici da buoni ad eccellenti;

La terapia fotodinamica è inoltre indicata per pazienti:

  1. portatori di pacemaker;
  2. che rifiutano l’intervento chirurgico nel caso di lesioni tumorali
  3. in terapia anticoagulante;
  4. che presentino reazioni avverse agli anestetici;
  5. con lesioni localizzate al volto o al collo ed in sedi esteticamente importanti;
  6. con lesioni multiple.